rps3

Ridurre le dimensioni del kernel su un RPS3

Due giorni fa ho scritto come ricompilare il kernel per un RPS di OVH e come questo renda il boot molto lento.

Convertendo in moduli caricabili dinamicamente tutte le opzioni del kernel che lo supportano e che non siano necessarie durante il boot, togliendo alcune funzionalità non utilizzate e lasciando i soli moduli necessari per l’hardware dell’RPS3 (AMD Athlon 64) sono riuscito a ridurre l’immagine compressa del kernel da 4.5MB a 1.8MB!

Ho lasciato la compilazione statica per la scheda di rete 100mbps (nForce), il supporto per le filesystems ext2, ext3, cramfs, il supporto per iSCSI, iSCSI initiator, il supporto per i block devices, il supporto per il ramdisk.

Ho inoltre impostato l’ottimizzazione per processori AMD Athlon 64 togliendo il supporto per tutti gli Intel ed altri.

Ho abilitato tutte le funzionalità di iptables ma come modulo.

Il risultato è questo .config che potete utilizzare al posto di quello di OVH e poi ricompilare ed installare il kernel.

Così facendo il tempo direboot del mio RPS3 è passato da 15 minuti a 8 minuti. Continuo a ricevere i ticket di OVH che si accorge che il sistema non è raggiungibile da troppo tempo ma a questo punto il ticket rimane aperto talmente poco che è improbabile che un tecnico OVH prenda in carico il ticket e decida di riavviare l’RPS con il netboot.

Riabilitare lo swap

La rimozione del supporto USB dal kernel verso un modulo fa si che la direttiva append=”libusual.bias=ub” (presente nel /etc/lilo.conf) non funzioni più. Quella direttiva fa si che la chiave usb presente per lo swap venga chiamata /dev/uba e non /dev/sd* per evitare di fare conflitto con i dischi iSCSI.
Per risistemare le cose dobbiamo quindi eliminare l’append “inutile” dal lilo.conf e poi abilitare lo swap manualmente.

swapon -s
# se non è già presente lo swap su /dev/sdb lo abilitiamo
mkswap -v1 /dev/sdb
swapon /dev/sdb
grep -q "/dev/sdb" /etc/fstab || echo "/dev/sdb none swap sw 0 0" >> /etc/fstab

A questo punto lo swap verrà riabilitato in automatico al boot.
Ricordatevi inoltre che dopo aver modificato il lilo.conf dovete aggiornare il bootrecord con “lilo -v

Altro sulle dimensioni del kernel

Per capire quanto influisca ciascuna funzionalità “built-in” sulla dimensione del kernel possiamo usare un metodo grezzo quanto efficace:

cd /usr/src/linux
find . -name "built-in.o" | xargs size | sort -n -r -k 4

Importante tenere in considerazione che i moduli built-in vengono aggregati per cartella e quindi ad esempio “./fs/built-in.o” includerà “./fs/ext3/built-in.o“.

Per ridurre ulteriormente forse si potrebbe far uso della chiave usb inserita nel’RPS (usata normalmente come swap), ma forse c’è bisogno di modificare anche l’initrd.

Per la cronaca l’initrd-iscsi.img che trovate nella root del disco è un loop device con filesystem cramfs.

Potete esplorarne il contenuto così:

cp /initrd-iscsi.img /tmp/initrd
mkdir /tmp/content
mount -o loop /tmp/initrd /tmp/content

All’interno della cartella /tmp/content troverete tutti gli script specifici per montare il disco iSCSI come root.

Tags: , , , ,

mercoledì, aprile 1st, 2009 Sysadmin Nessun commento